Bike to work

Le iniziative di B2W hanno l’obiettivo di incentivare le persone a lasciare l’auto, utilizzando la bicicletta per gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola. Il progetto prevede sia azioni di pura sensibilizzazione nei confronti dei lavoratori e degli studenti, che iniziative che possono incentivarne l’uso con premialità o una vera e propria remunerazione a fronte del dimostrato utilizzo della bicicletta per spostamenti sistematici.

GAMIFICATION (BIKE CHALLENGE)

L’iniziativa è basata sul noto BikeToWork che FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) ha sviluppato quale partner italiano del progetto europeo Bike2Work ed è articolato in due azioni principali: a) una campagna di promozione per il cambiamento comportamentale rivolto a tutte le aziende, enti, scuole presenti sul territorio messinese che aderiscono al Programma e un modello di “gamification” (Bike Challenge, competizione tra aziende in cui vince l’azienda che fa pedalare la maggior percentuale dei suoi lavoratori), con la finalità di avvicinare moltissime persone all’uso della bicicletta; b) attività di consulenza e avvio all’audit per alcune aziende, enti e scuole della città, per individuare le azioni da adottare per favorire e promuovere l’uso della bicicletta da parte dei lavoratori, secondo lo schema di "certificazione" di organizzazione bike-friendly messo a punto nell’ambito del progetto europeo Bike2Work.

BIKE TRIAL

L’obiettivo di avvicinamento all’uso della bicicletta avviene attraverso il meccanismo della prova gratuita di biciclette per un determinato periodo di tempo agganciando all’esperimento un meccanismo di premialità per gli utenti più virtuosi. I lavoratori e gli studenti avranno la possibilità di richiedere, tramite un apposito sito web l’assegnazione in comodato d’uso gratuito di una bicicletta meccanica o a pedalata assistita, anche pieghevole, per un determinato periodo di tempo. La scelta della bicicletta pieghevole consentirà di garantire eventuali esigenze di intermodalità con la possibilità di effettuare parte del tragitto in bicicletta e parte su mezzi del TPL (autobus o tram) o l’auto privata, evitando le difficoltà di parcheggio in prossimità dei centri attrattori e della zona centrale. L’esperienza sarà monitorata attraverso una app di tracciamento in modo tale da poter avere un dato certificato della quantità di Km effettivamente percorsi. In base alle performance raggiunte dagli utenti si stileranno delle classifiche, attribuendo dei punteggi, che consentiranno di ricevere degli incentivi. Le condizioni di partecipazione all’iniziativa sono definite dall’apposito bando in corso di pubblicazione, scaricabile qui.